Costumi

Next Project

KONYA

Il Collettivo Santasangre indaga la pratica come atto che tenta di raggiungere una totalità assoluta: l’azione e il suo fallimento, sono gli strumenti fondamentali adottati nella messa in scena.
Importante fonte d’ispirazione è la meditazione, il respiro, la danza roteante e la pratica del Dhikr, usati dai Dervisci per raggiungere uno stato di trance e ricercare una connessione diretta con Dio.
In Konya si resta di fronte al desiderio di elevazione e alla tensione che ne scaturisce, attraverso la ripetizione di un processo atto a trovare un equilibrio tra movimento e statica, in una scansione di fallimenti che rappresentano l’elemento imprescindibile di ricerca e comprensione.
In tutto lo spettacolo, la partitura visiva e fisica viaggia di pari passo con l’esecuzione dal vivo della musica, l’azione scenica è immersa nelle proiezioni video che disegnano un’ambientazione rarefatta.

STILL WATERS

Still Waters Still Waters è un fotoromanzo e un’istallazione site-specific nata dalla mente creativa di Federica Terracina, foto di Davide Adamo. Partendo da un artificio sul linguaggio pubblicitario, l’opera propone una analisi consapevole di quanto cambino gli scenari metropolitani in relazione alla produzione di rifiuti. I materiali utilizzati per costruire gli abiti sono di recupero ed alcuni provengono da Remida di Biella (centro di riuso). Ad oggi sono attivi i laboratori per creare accessori ed elementi di costume storico con materiali di riciclo.

go to the project >>>

A.A.A.A.A. ou je me suis refugiéé làlàlàlà...

“A.A.A.A.A. ou je me suis refugiéé làlàlàlà…”

JE ME SUIS REFUGIÉE LÀ, LÀ, LÀ

Un momento a tavola con Margo Auteur- interpretati Margo Chou

“Il sogno: uccidere lo spettacolo. Creare attimi indefiniti e distendersi.
Non posso dissociare attore e spettatore, mettersi a parlare a degli sconosciuti cpme se li conoscessimo. Danzare. Interrompersi mentre parliamo.
Da anni lei è entrata nella comunità, fermarsi sulle piazze delle città. Lei cerca un rapporto immediato con l’altri, superando i codici della nostra società… ” cosi’ scrive Margo Auteur nella presentazione del suo testo. Un invito alla discussione e all’incontro, con questo  progetto ci siamo conosciute. La costruzione degli abiti, accessori e maschere è nata in collaborazione con gli attori e performer che attraversano lo spazio insieme ai partecipanti, esaltando alcune sfumature personali.

ACCETTATI

Accettati è un lavoro sui ritratti di coscienza.
Opera di natura installativa dall’idea alla sua realizzazione presenta tre parti: bozzetto, foto e opera scultura tessile; costume e maschera.

Parti del progetto sono visibili nelle sezioni DISEGNI ed ACCETTATI.

Sotto foto del festival per bambini Les Monstres a Orleans, Francia, novembre 2016.

Durante il festival i due laboratori costruzione maschere e costumi della durata di una settimana ed una giornata sono state tappe fondamentali per la trasformazione.

Ogni partecipante è stato consigliato ed aiutato nella realizzazione autonoma del proprio costume,  unico “limite”: la volontaria scelta di materiali tessili, di riuso, provenienti dalla ressourcerie di Orleans.

Festival LES MONSTRES

 

 

DESPUES

Commissione per lo spettacolo musicale, coreografie e regia: “la Belle Image” e Dorian Moretus.
La bella Image reinventa “l’apre spectacle”, rompe i codici, invita alla cassa per brindare con un annata d’eccezione.
Durante lo spettacolo i cambi fanno parte della cooreografia e scrittura in “Despeus”, quindi sono visibili. Il passaggio dallo spettacolo alla festa è stato imput di ricerca tradotta in variazione cromatica nella creazione dei costumi.
Le giacche e le maschere, coloratissime, sono stati realizzati inserendo elementi di ricilo; mentre gli abiti di tutti i giorni sono tinti con colori naturali su una gamma cromatica pastello dal ceruleo alle terra di siena.

despues

A THIXOTROPIC MIXTURE LIKE THE BLOOD OF SAINT JANUARIUS

Ex.1 A Thixotropic mixture like the blood of Saint Januarius

Cosaltro Esperimenti è una matrice che genera ogni volta un esperimento musicale diverso, in accordo con il luogo, le relazioni e le possibilità sonore circostanti.

Ex.1 > Un rito sonoro ispirato a “faccia gialla” (San Gennaro patrono di Napoli), il cui sangue è proprietà del popolo napoletano. musica lavica. Scenario e costume a cura di F. Terracina.
consulenza storico – letteraria di Francesco Andoli (giornalista, “Identitá Insorgenti”)

Cosaltro Esperimenti

MISANTROPIE

da Molière ai bestiari medievali, sotto la guida de Il riso di H. Bergson
UNA CREAZIONE DI TEATRINGESTAZIONE CON I DETENUTI DEL CARCERE DI NAPOLI POGGIOREALE
CURA DELLA VISIONE GESUALDI | TRONO
COSTUMI FEDERICA TERRACINA
PRODUZIONE FONDAZIONE CAMPANIA DEI FESTIVAL – NAPOLI TEATRO FESTIVAL ITALIA E TEATRIN-GESTAZIONE
IN COLLABORAZIONE CON LA CASA CIRCONDARIALE NAPOLI POGGIOREALE

Laboratorio 23, 24 e 25 giugno 2019
Prova aperta 26 giugno 2019 ore 18.00, durata 50 min
Casa circondariale di Poggioreale

Next Project Share Project :

Next Project